Gelo di anguria -gelo di melone

Gelo di anguria -gelo di melone

 

Presentazione

Il gelo di anguria è un dolce al cucchiaio fresco, delicato e leggero che è molto consumato dai siciliani durante l’afosa estate siciliana. Il gelo di anguria è molto popolare proprio a Palermo, dove viene chiamato spesso “gelo di mellone” per via di una italianizzazione del termine dialettale muluni, che i siciliani usano per indicare appunto l’anguria. Nel capoluogo siciliano il gelo di anguria riveste in particolar modo il ruolo di dolce tradizionale del sentitissimo Festino di Santa Rosalia, patrona della città, e delle tavolate di Ferragosto. Nel resto della Sicilia il gelo di anguria invece è chiamato anche “gelo di melone”.Ma visto che la maggior parte della gente ne va matta, ho deciso di farlo anche io!

Ingredienti

  • 1/2 l di succo di anguria
  • 40 g zucchero
  • 40 g amido d mais
  • aroma gelsomino
  • cannella
  • gocce di cioccolato
  • pistacchi tritati
  • zucca candita;facoltativo

Come procedere

  1. Passate l’anguria fino a estrarne un litro di succo. Filtrate il succo per eliminare i semi e versarlo poco per volta in una pentola, mescolandolo all’amido setacciato.
  2. Unite al composto lo zucchero e i fiori di gelsomino, ponete la pentola sul fornello a fiamma moderata e mescolate con cura fino a quando il gelo di anguria non si sarà fatto vischioso a sufficienza e avrà assunto un colorito intenso 15-20 min .
  3. Trascorso questo tempo, rimuovete i fiori di gelsomino, togliete il gelo dal fuoco e mettetelo a raffreddare in un altro recipiente. Quando sarà diventato sufficientemente tiepido, unitevi la zuccata a dadini e le gocce di cioccolato e versate il tutto in alcune coppette o stampini.
  4. Fate raffreddare il gelo di anguria in frigorifero per il tempo necessario affinché assuma più o meno la consistenza di un budino e, infine, guarnite con una spolverata di cannella, qualche altra goccia di cioccolato e la granella di pistacchio .

 

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*